Nuove prospettive per le imprese: aumenta la soglia dei minimis 2024-2030

L’ambito degli aiuti di Stato in Europa sta per vivere un’importante evoluzione grazie all’adozione del nuovo Regolamento de minimis da parte della Commissione europea. Questo cambiamento, è entrato in vigore dal 1° gennaio 2024 e resterà valido fino al 30 dicembre 2030, con una possibile estensione transitoria fino al 30 giugno 2031, rappresenta una svolta significativa per le imprese che operano nell’Unione Europea.

Una delle modifiche più rilevanti riguarda l’innalzamento della soglia massima di aiuto che può essere concesso a un’impresa. Mentre precedentemente il limite era fissato a 200.000 euro, con il nuovo regolamento questo limite è stato aumentato a 300.000 euro. Questo incremento è stato introdotto per adeguarsi ai cambiamenti dei tassi d’inflazione e per fornire un supporto più ampio alle imprese in un contesto economico in continua evoluzione.

Per garantire il rispetto del massimale consentito dal Regolamento de minimis, è necessario calcolare la somma totale degli aiuti de minimis ricevuti da un’impresa nell’arco di tre anni, su base mobile. Questo approccio assicura una distribuzione equa degli aiuti e previene possibili abusi.

Tra le altre novità introdotte dal regolamento, spicca l’obbligo per gli Stati membri di istituire un registro centrale degli aiuti de minimis. Questo registro, che dovrà essere operativo a partire dal 1° gennaio 2026, sarà a livello nazionale o europeo e mira a ridurre progressivamente gli obblighi di reportistica per le aziende. La creazione di un registro centralizzato rappresenta un passo importante verso una maggiore trasparenza e facilità di gestione degli aiuti.

Un’altra modifica significativa è l’introduzione di una soglia di sicurezza per gli intermediari finanziari. Questa novità è volta a facilitare ulteriormente gli aiuti sotto forma di prestiti e garanzie, eliminando la necessità di un trasferimento completo dei vantaggi dagli intermediari finanziari ai beneficiari finali. Questa modifica è particolarmente rilevante per le piccole e medie imprese che spesso si affidano a prestiti e garanzie per finanziare le loro attività.

In conclusione, il nuovo Regolamento de minimis rappresenta un’opportunità significativa per le imprese europee. Con l’aumento della soglia di aiuto e la semplificazione dei processi burocratici, le imprese avranno maggiori possibilità di accedere ai fondi necessari per crescere e competere sul mercato. È fondamentale che le imprese si informino adeguatamente su queste nuove disposizioni e si preparino a sfruttare al meglio le opportunità offerte dal nuovo regolamento.