Polizza assicurativa e cessione del quinto: obbligatorietà e differenze tra lavoratori e pensionati

La cessione del quinto è una forma di prestito personale molto diffusa tra dipendenti e pensionati, che prevede una trattenuta diretta pari a un quinto dello stipendio o della pensione. Un aspetto fondamentale di questa forma di prestito è la polizza assicurativa obbligatoria che la accompagna, come stabilito dall’articolo 54 del D.P.R. n. 180 del 1950.

Questa polizza assicurativa è essenziale per coprire i rischi di vita e di impiego per i lavoratori dipendenti, mentre per i pensionati, l’obbligo riguarda solo il rischio decesso. Le banche e gli intermediari finanziari propongono polizze assicurative emesse da compagnie convenzionate, ma è importante sapere che il beneficiario della cessione del quinto non è obbligato ad accettare la soluzione commerciale proposta dall’istituto di credito. Infatti, l’intermediario è tenuto per legge ad accettare eventuali polizze assicurative già in possesso del cliente.

Per i lavoratori dipendenti, la polizza assicurativa richiesta dalla normativa vigente deve coprire sia il rischio di vita sia quello di perdita del posto di lavoro. Per i pensionati, invece, è sufficiente una polizza sulla vita. Quest’ultima ha lo scopo di coprire il debito residuo in caso di decesso del mutuatario, proteggendo la famiglia dal dover rimborsare il prestito. La polizza sulla perdita del lavoro, invece, copre i rischi legati alla perdita dell’impiego, escludendo le dimissioni volontarie e i licenziamenti per giusta causa.

Il costo della polizza assicurativa è incluso nel TAEG del prestito, e gli intermediari creditizi sono soliti proporre al cliente le coperture assicurative offerte dalle compagnie. È fondamentale per ogni beneficiario della cessione del quinto avere quante più informazioni possibili sulle caratteristiche della polizza assicurativa offerta, in termini di massimali, premio e oneri accessori, per poter fare un confronto di convenienza con gli altri prodotti disponibili sul mercato.

In conclusione, la polizza assicurativa a copertura della cessione del quinto è un elemento obbligatorio e fondamentale, che varia a seconda che il mutuatario sia un lavoratore dipendente o un pensionato. Questa copertura assicurativa offre una protezione importante sia per il mutuatario sia per la sua famiglia, garantendo sicurezza e tranquillità nel rimborso del prestito.