Rottamazione quater 2024: scadenze e modalità di pagamento della terza rata

Nel 2024, i contribuenti italiani avranno nuovamente l’opportunità di beneficiare delle condizioni agevolate offerte dalla rottamazione quater delle cartelle esattoriali. Questa iniziativa, introdotta per permettere ai cittadini di sanare i propri debiti fiscali in maniera vantaggiosa, prevede la possibilità di estinguere le proprie pendenze con l’erario attraverso il pagamento rateizzato di somme dovute, con una significativa riduzione di sanzioni e interessi.

Le novità del decreto milleproroghe

Il decreto milleproroghe ha introdotto importanti novità per i contribuenti che intendono aderire alla rottamazione quater, estendendo i termini per il pagamento delle rate e offrendo la possibilità di rientrare nel piano di definizione agevolata anche a coloro che hanno mancato il pagamento delle prime due rate previste per la fine dell’anno precedente.

Scadenza della terza rata

La terza rata della rottamazione quater, originariamente prevista per la fine di febbraio 2024, beneficia di una proroga che estende il termine ultimo per il pagamento al 20 marzo 2024. Questa estensione offre ai contribuenti ulteriore flessibilità nella gestione dei propri impegni finanziari, consentendo di approfittare dei benefici della rottamazione anche a chi ha incontrato difficoltà nei pagamenti precedenti.

Modalità di pagamento

I contribuenti possono effettuare il pagamento della terza rata della rottamazione quater utilizzando i canali tradizionali previsti dall’agenzia delle entrate-riscossione, tra cui bonifici bancari, bollettini postali e pagamenti online attraverso il portale dell’agenzia. È fondamentale rispettare la scadenza del 20 marzo 2024 per evitare di perdere i vantaggi offerti dalla definizione agevolata, inclusa la riduzione delle sanzioni e degli interessi su somme dovute.

Cosa fare in caso di mancato o ritardato pagamento

Il decreto milleproroghe prevede specifiche disposizioni per i contribuenti che non hanno rispettato le scadenze delle prime due rate o che intendono aderire alla rottamazione in ritardo. Questi contribuenti hanno la possibilità di regolarizzare la propria posizione entro il nuovo termine stabilito, beneficiando delle stesse condizioni previste per i pagamenti tempestivi.

La rottamazione quater rappresenta un’importante opportunità per i contribuenti italiani di mettersi in regola con il fisco, sanando eventuali debiti pregressi in maniera conveniente. Grazie alle proroghe introdotte dal decreto milleproroghe, anche chi ha incontrato difficoltà nel rispettare i termini iniziali ha ora la possibilità di accedere ai benefici della rottamazione, dimostrando l’impegno del governo a supportare i cittadini nella risoluzione delle proprie pendenze fiscali.