Calendario fiscale di maggio 2024: tutte le scadenze importanti del mese

Maggio 2024 sarà un mese denso di scadenze fiscali per cittadini, imprese e professionisti. Una data da cerchiare in rosso è sicuramente il 16 maggio, giorno in cui si concentrano diverse importanti scadenze. Da segnalare, in particolare, la possibilità di regolarizzare le posizioni con il ravvedimento operoso, e le scadenze relative alle addizionali Irpef e alla liquidazione dell’IVA in diverse forme.

Le attività iniziano già il 15 maggio con gli adempimenti previsti dalla legge per associazioni e pro loco, ma è il giorno successivo a diventare il fulcro delle attenzioni. Il 16 maggio, infatti, oltre al ravvedimento operoso, si dovranno effettuare i versamenti delle addizionali comunali e regionali dell’Irpef, sia per l’acconto che per il saldo.

Nello stesso giorno si dovranno anche versare le imposte sugli intrattenimenti, l’imposta sostitutiva sugli incrementi di produttività, efficienza e innovazione, oltre alle imposte sui premi, sugli interessi e sugli altri frutti delle obbligazioni. Per le aziende di telecomunicazioni e i soggetti trimestrali speciali, il 16 maggio è inoltre la data per la liquidazione e il versamento dell’IVA del trimestre.

Per quanto riguarda l’INAIL, sempre il 16 maggio scade il termine per l’autoliquidazione. Inoltre, è il giorno in cui bisogna versare le ritenute sui redditi da lavoro dipendente e assimilati, nonché le ritenute sulle prestazioni effettuate nei confronti dei condomini, sui redditi da capitale, sulle provvigioni degli agenti e le indennità derivanti dalla cessione dei rapporti.

Il settore dell’edilizia vede una scadenza importante sempre il 16 maggio, con il termine per versare le ritenute sui bonifici effettuati per ristrutturazioni e per l’efficientamento energetico. Le altre ritenute da versare includono quelle sugli avviamenti, sui contributi degli enti pubblici, sui premi e sulle vincite, sui pignoramenti presso terzi e sulle polizze vita.

Verso la fine del mese, il 25 maggio è il giorno per presentare gli elenchi mensili dell’Intrastat. Infine, il 31 maggio è una data ricca di scadenze: bisogna registrare e pagare l’imposta di registro relativa ai contratti di affitto, presentare la dichiarazione degli acquisti intracomunitari mediante il modello Intra 12 e pagare l’imposta di bollo.

Questo intenso calendario fiscale di maggio 2024 richiede attenzione e organizzazione per evitare sanzioni e per gestire al meglio le proprie obbligazioni fiscali. La pianificazione e la conoscenza delle scadenze sono essenziali per tutti coloro che vogliono navigare con successo le acque a volte turbolente della fiscalità italiana.