Dal codice a barre al QR code nei supermercati

A partire dal 2027, il tradizionale codice a barre sarà gradualmente sostituito dal QR Code nei supermercati. Questo cambiamento, già in atto in 48 Paesi del mondo, è promosso da 22 aziende leader nel settore dei consumi che hanno firmato la dichiarazione “Sunrise 2027” per adottare il QR Code GS1.

Il QR Code offre numerosi vantaggi rispetto al codice a barre. Innanzitutto, contiene molte più informazioni utili sui prodotti, facilmente accessibili tramite smartphone. Questo è particolarmente importante per i consumatori che desiderano conoscere la provenienza del prodotto, i suoi componenti, l’impronta di carbonio e le indicazioni sul riciclo o il riutilizzo degli imballaggi. Inoltre, i QR Code possono fornire consigli sulle allergie e altre informazioni di sicurezza alimentare.

Dal punto di vista degli esercenti, i QR Code permetteranno di vendere prodotti prossimi alla scadenza a prezzi ridotti, contribuendo a ridurre gli sprechi alimentari. Questo nuovo sistema rivoluzionerà l’esperienza di acquisto, rendendo la tracciabilità dei prodotti immediata e a portata di smartphone, migliorando la sicurezza alimentare e la sostenibilità.

In un’era sempre più connessa, il passaggio al QR Code rappresenta un passo necessario per stare al passo con i tempi, offrendo ai consumatori la possibilità di effettuare scelte consapevoli e migliorando l’esperienza complessiva degli acquisti.