Fusione innovativa nel settore delle telecomunicazioni: Iliad e Vodafone verso un nuovo orizzonte

Iliad ha recentemente proposto una fusione con Vodafone Italia, mirando a creare una nuova società (newco) che unirebbe le forze delle due compagnie telefoniche nel mercato italiano. Questa mossa segue un tentativo precedente di acquisizione da parte di Iliad, che non era andato a buon fine. La proposta attuale di Iliad valuta Vodafone Italia a 10,45 miliardi di euro, offrendo a Vodafone il 50% del capitale sociale della newco, oltre a 6,5 miliardi di euro e un finanziamento di 2 miliardi. Iliad Italia, detenendo l’altro 50% della newco, ha un valore stimato di 4,45 miliardi.

La fusione proposta è vista come un’opportunità per entrambe le aziende di unire competenze e talenti, creando un leader nel mercato delle telecomunicazioni italiano. L’obiettivo è di promuovere l’innovazione, la crescita e un’esperienza cliente senza pari, con un particolare focus sulla transizione digitale del paese e sull’adozione della fibra ottica.

La newco risultante dalla fusione avrebbe un fatturato previsto di circa 5,8 miliardi di euro e un Ebitdaal di circa 1,6 miliardi per l’esercizio finanziario che chiuderà a marzo 2024. Inoltre, si prevedono sinergie annuali significative in termini di spese operative e di investimento.

Thomas Reynaud di Iliad ha espresso fiducia nel potenziale della fusione, sottolineando la complementarità delle competenze di Iliad e Vodafone in Italia. Dall’altra parte, Vodafone ha riconosciuto la proposta di fusione, confermando il suo interesse nel consolidamento del mercato in Italia, pur non garantendo l’effettiva realizzazione dell’accordo.

Questa proposta di fusione rappresenta un importante sviluppo nel settore delle telecomunicazioni in Italia, con il potenziale di trasformare significativamente il panorama competitivo e di migliorare l’esperienza dei consumatori nel lungo termine.