Pensioni 2024: aumenti significativi in arrivo a gennaio

A partire dal 1° gennaio 2024, le pensioni in Italia subiranno un importante adeguamento. Il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti, in collaborazione con la Ministra del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Elvira Calderone, ha annunciato un incremento delle pensioni del 5,4% per adeguarle all’attuale tasso inflazionistico. Questa misura, ufficializzata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef), mira a fornire un sostegno concreto ai pensionati nel contesto di un’economia in rapida evoluzione.

La rivalutazione delle pensioni per il 2024 è stata calcolata basandosi sui dati forniti dall’Istituto Nazionale di Statistica (Istat). L’aumento delle pensioni, tuttavia, sarà applicato in modo differenziato a seconda dell’importo delle pensioni stesse. Il governo ha stabilito che le pensioni fino a circa 2.200 euro godranno di una completa perequazione, con incrementi che possono raggiungere fino a 130 euro.

Per le pensioni fino a quattro volte l’importo minimo, ovvero fino a 2.272,96 euro lordi, si prevedono aumenti fino a 122 euro. Per coloro con redditi da pensione tra i 2.272,96 euro e i 2.841,2 euro al mese, l’aumento sarà del 4,59%, corrispondente a un massimo di 130,41 euro. Le pensioni tra cinque e sei volte l’importo minimo vedranno un aumento massimo del 2,862%, mentre per quelle fino a otto volte l’importo minimo, l’incremento sarà del 2,538%.

Inoltre, le pensioni pari o inferiori al trattamento minimo INPS beneficeranno di incrementi aggiuntivi. Per il 2023, è previsto un aumento del 1,5% (6,4% per gli over 75), mentre per il 2024, l’incremento sarà basato sull’adeguamento all’inflazione del 5,4%.

Infine, i lavoratori dipendenti vedranno un aumento dei contributi previdenziali a partire dal primo gennaio 2024, basato sull’indicizzazione dell’8,1%. Queste misure rappresentano un passo significativo verso il sostegno ai pensionati e ai lavoratori in un periodo di sfide economiche e inflazionistiche.