Aliquota IVA per dispositivi ospedalieri: chiarimenti importanti

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente chiarito l’applicazione dell’aliquota IVA sui dispositivi ospedalieri. In particolare, ha risposto a una società che commercializza presidi medico-chirurgici e che ha sviluppato il dispositivo ALFA CLP, utilizzato nei letti ospedalieri per il controllo delle infezioni.

Il dispositivo è composto da una copertura in PVC trasparente e un sistema di aspirazione e filtraggio con filtri HEPA. La società sperava di beneficiare dell’aliquota IVA ridotta del 5%, applicabile ai sistemi di aspirazione e alle attrezzature per ospedali da campo, secondo la normativa COVID-19.

Tuttavia, l’Agenzia delle Entrate ha stabilito che il dispositivo non rientra nei beni elencati nella Parte II-bis della Tabella A del Decreto IVA, e quindi non può beneficiare dell’aliquota ridotta. Di conseguenza, il dispositivo ALFA CLP deve essere assoggettato all’aliquota IVA ordinaria.

Questo chiarimento evidenzia l’importanza per le aziende del settore sanitario di classificare correttamente i propri prodotti e di seguire attentamente le normative fiscali per poter usufruire delle agevolazioni disponibili. Le disposizioni fiscali relative ai dispositivi medici sono soggette a frequenti aggiornamenti, pertanto è cruciale rimanere aggiornati sulle modifiche legislative.